Cose che capitano / 25 luglio – 1 luglio 2018

25 giugno 2018


Cose che capitano a Belleville: mercoledì 27 giugno alle 19:30 Iacopo Barison dialogherà con il suo agente Piergiorgio Nicolazzini raccontando il suo percorso nel mondo della letteratura, dall’esordio con “Stalin + Bianca” (Tunué 2014) fino all’ultimo romanzo Le stelle cadranno tutte insieme (Fandango Libri 2018), passando per la candidatura al Premio Strega nel 2015 e il suo approdo su McSweeney’s, la rivista di Dave Eggers dove hanno scritto autori come David Foster Wallace, Stephen King, Zadie Smith. L’ingresso libero e gratuito fino a esaurimento posti.

 

Cose che capitano nella campagna toscana: a Pienza, nel cuore della Val d’Orcia, si terrà tra il 25 e il 27 giugno Caffeina – Emporio letterario di Pienza. Il festival sarà inaugurato venerdì alle 11 presso la Sala del Consiglio da Valerio Magrelli, che farà una lectio magistralis dal titolo “La poesia al tempo dei fake”.

A seguire Alberto Asor Rosa racconterà conflitti e rapporti tra critica, storia e narrativa; Fabio Genovesi, un ospite della scuola Belleville, interverrà con un monologo il 25 maggio in piazza Pio II alle 19; domenica 27 alle 15.30 nel cortile rinascimentale di Palazzo Piccolomini Martino Baldi (The FLR) insieme a Giacomo Raccis (La Balena Bianca), Angelo Deiana (Passaporto Nansen) e Leonardo Colombati (Nuovi Argomenti) tenterà di spiegare quale è il ruolo delle riviste letterarie nel mondo di oggi, e come agiscono nel panorama letterario contemporaneo.

 

A Milano (e dintorni) succedono tante cose:

 

La quinta edizione di Terraforma. Experimental and Sustainable Music Festival – dal 29 giugno al 1 luglio – si terrà come sempre nel bosco della Villa Arconati di Bollate (MI). Sul palco si avvicenderanno nomi importanti della ricerca musicale contemporanea, da Lanark Artefax a Byetone, passando per Jeff Mills e Vladimir Ivkovic. Accanto alla proposta musicale, i nuovi arredi del festival, progettati da un team del Polimi, saranno ispirati a “una versione marziana degli origami giapponesi”. Il percorso del festival si snoda attraverso una serie di tappe volte a sensibilizzare il pubblico sul tema della sostenibilità ambientale. Il festival è infatti legato a un piano che comprende la riqualificazione del parco della villa. Info e biglietti.

 

Il 27 giugno alle 20.00 al Laboratorio Formentini di Milano si annuncerà il vincitore del Premio POP 2018, dedicato agli esordi letterari e coordinato dall’editor Benedetta Centovalli, una delle insegnanti della scuola Belleville. Saranno presenti gli autori in gara: Roberto Camurri, Andrea Esposito, Sara Gamberini, Mirko Sabatino, Valerio Valentini.

 

La stessa sera alle 18.00, sempre a Milano, fra gli scaffali della Libreria Cultora, verrà presentato il nuovo fascicolo della rivista Antarès – Prospettive Antimodene dedicato alla figura e all’opera di Dino Buzzati, insieme ai redattori Gianpiero Mattanza e Luca Siniscalco.


Post Your Thoughts