Cose che capitano nei prossimi giorni / 21-27 maggio 2018

18 maggio 2018


Il 22 maggio alle 17.30 al Circolo dei lettori di Torino ci sarà la premiazione della XXXI edizione del Premio Italo Calvino. Nove i libri finalisti, scelti tra i 720 manoscritti arrivati. La giuria è composta da Teresa Ciabatti, Luca Doninelli, Maria Teresa Giaveri, Vanni Santoni e Mariapia Veladiano. Al premio da quest’anno si aggiunge la menzione speciale Treccani per il testo più originale.

 

A Pistoia, dal 25 al 27 maggio, si terrà per il nono anno consecutivo il festival dell’antropologia Dialoghi sull’uomo. Il titolo dell’edizione di quest’anno è «Rompere le regole: creatività e cambiamento». Tra gli ospiti ci sono Nicola Piovani che suonerà al Teatro Manzoni il 25 maggio alle 21.15, e Fabrizio Gifuni che leggerà Pier Paolo Pasolini, sempre al Manzoni il 26 alle 21.30. Ogni giornata terminerà al Teatro Bolognini con una rassegna cinematografica dedicata al ’68: il primo film è I pugni in tasca di Marco Bellocchio (25 maggio, ore 22.30), poi arriveranno Hair di Miloš Forman (26 maggio, ore 22.30) e Qualcosa nell’aria di Olivier Assayas (domenica 27 maggio, ore 20.00). Qui il programma completo del festival.

 

Nel complesso monumentale di San Domenico Maggiore di Napoli dal 24 al 27 maggio si terrà Napoli città del libro, festival che si propone di fare tornare in città il Salone del libro e dell’editoria. Dice l’editore Diego Guida, fra gli organizzatori: «Ci stiamo appiattendo sulle polemiche nazionali sul Salone di Milano e di Torino. Napoli sta a guardare. Noi vogliamo invertire questa tendenza». Qui il programma.

 

Infine, due cose che capitano a Milano: giovedì 24 maggio alle 19.30 allo Spazio Tadini Giacomo Raccis e Michele Turazzi presentano Una nuova sintassi per il mondo. L’opera letteraria di Emilio Tadini (del primo) e Milano di carta. Guida letteraria della città (del secondo). Al centro, la città di Milano.

 

Sempre il 24 maggio alla libreria Verso di Corso di Porta Ticinese Vincenzo Campo, Stefano Salis e Marco Vigevani (peraltro frequentatore della scuola) presentano Il libro nella sua specie più nobile dello scrittore, libraio ed editore Alberto Vigevani, che l’editore Henry Beyle pubblica per ricordare il centenario della nascita.


Post Your Thoughts