SCRIVERE LA SCENEGGIATURA DI UN FILM

 

con FRANCESCA SERAFINI

 

PARTENZA IL 6 MAGGIO 

 

Quando una storia chiede di essere raccontata uno scrittore deve scegliere la forma giusta per valorizzarne tutte le potenzialità. Il suo lavoro è sulle tecniche e sui linguaggi. Scrivere per il cinema significa essere consapevoli di due cose: che oltre alla parola si ha a disposizione il visivo; e che tutto quello che viene scritto è solo una preparazione per un’opera collettiva che sarà completata da altri. Ma non si arriverà mai a quel momento se prima chi scrive non si è fatto tutte le domande giuste. In questi due moduli cercheremo tutte le domande, e impareremo a dare qualche risposta ragionando sulle tecniche e i linguaggi che aiutano a trovarle.

 

Modulo 1: Soggetto e scaletta.

 

I partecipanti devono presentarsi in aula con la sinossi di un film che vorrebbero scrivere, delineando in tre cartelle i profili dei protagonisti (psicologia, famiglia e professione), l’ambientazione (luogo e tempo) e le linee essenziali della trama.

 

a) venerdì 6 dalle 18 alle 21 – Lezione frontale sul soggetto. Che cos’è? In che cosa si discosta da un racconto in prosa? Come si crea un personaggio? Scelta e declinazione di un tema.

b) sabato 7 dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 – Laboratorio sulle sinossi presentate dai partecipanti. Rielaborazione in base a spunti e riflessioni apprese durante la lezione del giorno prima.

c) domenica 8 dalle 10 alle 13 – Lezione sulla scaletta. Questione produttiva. Organizzazione scenica del materiale narrativo delle sinossi.

 

Modulo 2: Dialogo e drammaturgia della scena.

 

I partecipanti devono presentarsi in aula con alcune scene scritte (cioè anche con i dialoghi) a partire dalle scalette prodotte durante il modulo precedente.

 

a) venerdì 20 dalle 18 alle 21 – Lezione frontale sulle tecniche di dialogo e sulla drammaturgia della scena. Perché quello che funziona sulla pagina scritta potrebbe non funzionare sulla scena filmata?

b) sabato 21 dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 – Laboratorio sulle scene scritte dai partecipanti.

c) domenica 22 dalle 10 alle 13 – Editing.

 

Scarica Programma PDF Iscriviti al Corso

Foto Serafini

 

Chi: Francesca Serafini, linguista di formazione, scrive libri (Questo è il punto. Istruzioni per l’uso della punteggiatura, 2012, Laterza; Di calcio non si parla, 2014, Bompiani) e da molti anni sceneggiature per la tv (La squadra; Medicina generale, ecc.) e per il cinema (con Claudio Caligari e Giordano Meacci ha scritto l’ultimo film di Caligari, Non essere cattivo, 2105; attualmente sta scrivendo Terapia di coppia per amanti, con Giordano Meacci e Diego De Silva, autore del romanzo omonimo, Einaudi). Ha curato editing per diverse case editrici ed è consulente per la fiction per RSI. Per conto della Società Dante Alighieri è tra i curatori di una rubrica sulla lingua italiana per il programma Community (Rai Italia). Tiene da anni corsi di drammaturgia e sceneggiatura per il cinema e la tv (Serial writers, minimum fax e Mediaset; Web Series Lab, Rsi).

 

Dove: Belleville – La Scuola, via Carlo Poerio 29, Milano

 

Quando: due weekend, per un totale di 26 ore di corso, organizzate come segue:

venerdì 6 maggio dalle 18 alle 21

sabato 7 maggio dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18

domenica 8 maggio dalle 10 alle 13

venerdì 20 maggio dalle 18 alle 21

sabato 21 maggio dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18

domenica 22 maggio dalle 10 alle 13

 

Nota bene: Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di 8 partecipanti.

 

Posti disponibili: 20

 

Quanto: 450 euro + IVA

 

Per pagare: si può pagare tramite bonifico bancario intestato a Belleville srl (IBAN IT96E0504801639000000001954) oppure direttamente a Scuola (la Segreteria è aperta dal lunedì al venerdì, dalle 16 alle 19). Per completare l’iscrizione è necessario inviare a info@bellevillelascuola.com una copia della ricevuta di bonifico effettuato e attendere la risposta della Scuola.

 

Note: Il materiale prodotto all’interno del corso resterà di proprietà di ogni singolo partecipante per la parte da lui realizzata. I partecipanti autorizzano la Scuola all’utilizzo interno dei materiali. La scuola si riserva il diritto di realizzare, a fine corso o nel corso dell’anno, dispense contenenti materiali dei partecipanti, scelti dai docenti, a uso interno. A fine corso sarà rilasciato ai partecipanti un attestato di frequenza.