Si può insegnare a scrivere?

15 febbraio 2015


Prendete Iay McInerney, che ha studiato scrittura creativa con Raymond Carver. Trasportatelo in Italia. E chiedetegli cosa ne pensa dei corsi di scrittura creativa. Vi risponderà così:

 

“Non ci si stupisce che i musicisti frequentino i conservatori o gli artisti le accademie d’arte, eppure le scuole di scrittura suscitano ancora perplessità”.

 

Negli Stati Uniti l’affermarsi dei programmi di scrittura creativa è stato addirittura definito come “il più importante evento nella storia della letteratura americana del dopoguerra” (leggete Marc McGurl, The Program Era).

 

Già nel 1922 il “Creative Writing” fu inserito ufficialmente come materia autonoma nella Facoltà di Inglese dell’Università dello Iowa, la prima degli Stati Uniti ad accettare raccolte di poesia, libri di racconti e romanzi come tesi di laurea.

 

Nel 1936 nasceva lo Iowa Writing Workshop, tutt’ora il master più prestigioso, dove hanno studiato e insegnato, tra gli altri, John Cheever, Kurt Vonnegut, Philip Roth, Michael Cunningham (ma la lista è infinita).

 

Poi vennero gli anni in cui Vladimir Nabokov insegnò alla Cornell University e quelli in cui Flannery O’Connor cominciò a tenere i suoi corsi allo Iowa, fino a quando, alla fine degli anni Cinquanta, Raymond Carver incontrò il suo maestro John Gardner alla California State University.

 

Oggi in America i master in scrittura creativa sono quasi 200, tutte le università americane più importanti hanno nei loro programmi seminari e master di scrittura creativa e molti, forse la maggioranza, dei principali scrittori americani degli ultimi trent’anni sono il prodotto di corsi di scrittura creativa.


CW1

 

Qualche esempio?

 

Cormac McCarthy ha vinto due volte l’“Ingram-Merrill Award for Creative Writing” mentre era all’università.

Quando era uno studente alla Princeton University, Jonathan Safran Foer è stato incoraggiato a scrivere niente poco di meno che da Joyce Carol Oates, e oggi è egli stesso docente di scrittura creativa alla New York University.

Jeffrey Eugenides ha discusso il suo M.A. in Creative Writing alla Stanford University e ora è Professore di Creative Writing alla Princeton University.

Richard Ford, Senior Fiction Professor all’Università del Mississipi, non dimentica mai di dichiarare il suo debito nei confronti di E. L. Doctorow e Oakley Hall con cui ha studiato scrittura creativa all’Università della California.

Donna Tartt ha iniziato a scrivere il suo primo romanzo mentre studiava scrittura creativa al Bennington College.

Ian McEwan ha un Master in Creative Writing della University of East Anglia.

David Foster Wallace ha studiato scrittura creativa all’Università dell’Arizona e poi, come tutti sanno, l’ha insegnata al Pomona College, in California.

 

Potremmo continuare all’infinito.

 

La letteratura è un’arte, ma è anche un mestiere, e molti aspetti del mestiere si possono insegnare e, naturalmente, imparare.

 


Post Your Thoughts