Scrivere nel presente

19 novembre 2019 – 10 marzo 2020

 

La letteratura è uno strumento per orientarsi nel proprio tempo. Ogni genere deve cambiare insieme all’epoca che attraversa. Che si scrivano gialli, memoir o diari privati, la conoscenza del paesaggio storico, sociale, economico, scientifico e politico è fondamentale per rendere viva la materia narrata e interessare i lettori.

Il tema del corso è la relazione tra romanzo e Storia. Ogni romanzo è un’indagine storica. Lo scopo è fornire un metodo per migliorare la rappresentazione letteraria del presente, assorbendo nel racconto conoscenze tratte da altre discipline.

Il corso si articola in 30 ore: 16 sono dedicate alla narrazione, le restanti 14 sono tenute da filosofi, economisti e scienziati.

Nell’arco del corso ogni studente svilupperà il progetto di un racconto o un romanzo in cui la storia individuale e quella collettiva confluiscono. Alla fine del corso gli studenti presenteranno i loro lavori a editor e agenti letterari.

 

martedì dalle 19.30 alle 21.30

dal 19 novembre 2019 al 10 marzo 2020

 

Costo:

1.100 € + IVA

Under 30 / 800 € + IVA

 

il costo è rateizzabile

 

Docenti

Marcello Fois

 

OSPITI

Enrico GiovanniniFernando FerroniMario GrossoMartina ArdizziSilvio GualdiAldo PigoliCarlo Sini

 

Programma:

 

Ogni romanzo è storico / Marcello Fois

La relazione tra individuo e Storia è sempre letteraria. Fuori contesto, nessun personaggio esiste, neppure l’io.

 

Ogni personaggio è uno sguardo / Marcello Fois

Senza punto di vista non c’è storia, né individuale né generale. La neutralità non esiste. La prospettiva è tutto.

 

Gli scarti del presente / Mario Grosso

In questo tempo invaso di novità e scarti, il confine fra mente, corpo e macchina è sempre più sfumato. Un ingegnere ambientale racconta quanti sono i nostri rifiuti e come possono trasformarsi in ricchezza.

 

Senza sfondo non c’è primo piano / Marcello Fois

La tensione fra lontano e vicino determina la letteratura. La vita individuale dei personaggi illumina il tempo in cui vivono.

 

Il clima è cambiato / Silvio Gualdi

Il riscaldamento globale ridisegna il nostro presente e il futuro. Chi scrive non può fare come se niente fosse. Per raccontare il presente è necessario osservare il tempo.

 

Dove sta l’Europa / Aldo Pigoli

Qual è il posto dell’Europa nel mondo? Com’è cambiato dall’età moderna a oggi? Come si muovono i continenti a livello demografico, politico ed economico? Guardare il presente dall’alto è il solo modo per vederlo da vicino.

 

Tutto è simbolo / Marcello Fois

Sono le condizioni storiche a trasformare le cose e gli avvenimenti in simboli. Senza la Storia, spade, orologi, telefonini rimangono oggetti inerti.

 

I neuroni-specchio / Martina Ardizzi

La scienza dell’empatia: da dove nasce, neurologicamente, la nostra capacità di raccontare e immedesimarci nelle storie.

 

Il male è il mistero / Marcello Fois

Chi risolve un delitto, salva il mondo. I metodi d’indagine del giallo, da Sherlock Holmes ad Andrea Camilleri, esprimono lo spirito del tempo in rapporto all’ordine e al caos.

 

Il presente è già il futuro / Enrico Giovannini

Che tempo farà tra dieci anni? Quanti saremo? Come vivremo? Ci saremo? Un economista e statistico spiega il futuro (e come cambiarlo).

 

Laboratorio / Marcello Fois

Lettura e discussione dei progetti degli allievi.

 

Io e l’universo / Fernando Ferroni

La scienza contemporanea ha rivoluzionato categorie letterarie fondamentali come causa-effetto e tempo-luogo (ma la letteratura non lo sa ancora). Il presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica spiega com’è cambiato il tempo.

 

Laboratorio / Marcello Fois

Lettura e correzione dei progetti degli allievi.

 

Che cos’è la verità / Carlo Sini

Come pensare il vero nell’epoca dell’informazione falsa. Un grande filosofo riflette sulla nostra idea di verità e su come il tempo la attraversa.

 

Laboratorio / Marcello Fois

Lettura e correzione dei progetti degli allievi.

 

Pitch finale